Soluzioni metodologiche per l’utilizzo integrato delle fonti statistiche per le stime dell’occupazione

AA.VV.

Versione integrale del n. 19/2015

Nel paper viene illustrata la metodologia utilizzata per l'integrazione statistica dei microdati del campione della rilevazione delle forze di lavoro con quelli delle fonti amministrative che in maniera pressoché esaustiva coprono l'intero spettro delle posizioni lavorative regolari. Gli anni di riferimento sono il 2010 e il 2011.

Viene in particolare mostrato come il processo di integrazione abbia consentito di individuare, misurare e riconciliare le discrepanze emerse tra l'indagine e le fonti amministrative. È stata inoltre messa a punto una procedura di stima individuale dell'input di lavoro non regolare e delle ore effettivamente lavorate associate alle posizioni lavorative regolari e non regolari, basata sulla misurazione e correzione degli errori di misura della rilevazione attraverso con il supporto di variabili ausiliarie.

L'output finale è rappresentato da una base dati costituita da tutte le posizioni lavorative generate dagli occupati nel campione dell'indagine stimati attraverso il processo di integrazione, con indicazione della natura regolare o meno della singola posizione e con le principali caratteristiche di ciascuna posizione: ordine, regolarità, attività economica, ore lavorate, tipo di posizione e datore di lavoro.

tag:
attività economica, forze di lavoro, Istat working papers, lavoro, occupati, ore lavorate, posizioni lavorative, previdenza
tipo di documento:
Produzione editoriale
Data di pubblicazione
16 dicembre 2015
No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it