Ripensare l’organizzazione della PA attraverso la valorizzazione delle risorse umane - Il caso del Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici dell’Istat

Patrizia Grossi, Patrizio Di Nicola, Alessandra Preti

Versione originale del n. 5/2016

Nell'attuale situazione economica è diventato imperativo per tutti gli Enti pubblici ricercare la massimizzazione dell'efficienza e dell'efficacia della propria azione tramite meccanismi innovativi di governo che garantiscano un migliore impiego delle risorse umane. I nuovi paradigmi organizzativi, se puntano alla condivisione dei linguaggi, di obiettivi e di strumenti, pongono le basi per un cambiamento evolutivo reale orientato alla valorizzazione delle risorse umane, con le proprie competenze, saperi, ruoli e responsabilità individuali e collettive.

Nel caso dell'ISTAT, Ente che ha recentemente intrapreso un ampio processo di cambiamento organizzativo per rispondere alla crescente richiesta di informazione statistica proveniente dalla Società, la principale risorsa lavorativa è costituita dalle conoscenze disponibili e dalla potenzialità di produrne altre; conseguentemente la valorizzazione delle risorse umane diviene strumento decisivo per svolgere con successo qualsiasi processo di innovazione organizzativa.
A tal scopo verrà proposto un metodo per l'analisi delle competenze, la loro mappatura e il successivo sviluppo di piani di formazione che permettano alle persone di divenire attori attivi del cambiamento.

tag:
dipendenti, formazione, Istat working papers, pubblica amministrazione
argomento:
Pubblica amministrazione
tipo di documento:
Produzione editoriale
Data di pubblicazione
04 marzo 2016
No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it