Indicatori ambientali urbani

In generale, nel 2007 gli indicatori analizzati nei comuni capoluogo di provincia evidenziano sensibili miglioramenti rispetto all'anno precedente.

Si segnalano in positivo l'aumento delle quantità di rifiuti raccolti in modo differenziato (+7,6%), nonché della domanda di trasporto pubblico (+4,9%), della contrazione del consumo di gas metano per uso domestico e per riscaldamento (-6,9%) e del consumo d'acqua per uso domestico (-2,4%). Di contro, nell'ultimo anno, è in aumento il numero di motocicli per mille abitanti (+5,2%) e il consumo di energia elettrica per uso domestico (+4,5%).

Variazioni meno sensibili si registrano per il tasso di motorizzazione (+0,6%) e per la densità di verde urbano (+0,6%), insieme ad una lieve contrazione della raccolta totale dei rifiuti urbani (-0,3%).
Nel 2007 è migliorata anche la qualità dell'aria malgrado il numero di giorni di superamento del livello per il PM10 (particolato con diametro minore di 10 micron) sia ancora il doppio di quello consentito dalla normativa (D.M. 60/2002). Infatti, nei 99 comuni che effettuano il monitoraggio del PM10, le
centraline di qualità dell'aria hanno segnalato mediamente un numero massimo dei superamenti del limite pari a 71,4 giorni, con un decremento dell'11,3% rispetto all'anno precedente, ma sempre molto al di sopra dei 35 consentiti.

tag:
acque reflue, ambiente, ambiente urbano, autovetture, centraline aria, città, emissioni, energia, gas di scarico, inquinamento, metano, motorizzazione, ozono, province, raccolta differenziata, rifiuti, riscaldamento, statistica report, verde urbano
argomento:
Ambiente ed energia
tipo di documento:
Comunicato stampa
Periodo di riferimento
Anno 2007
Data di pubblicazione
28 agosto 2008
Testo integrale
(pdf 393 KB)
Tavole
(zip 357 KB)
Nota metodologica
(pdf 126 KB)
No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it