Popolazione censita e popolazione anagrafica al 2011: un’analisi esplorativa sulle differenze quantitative tra le due fonti

Gerardo Gallo, Maria Tiziana Tamburrano

Versione integrale del n. 20/2016

L'obiettivo di questo lavoro è effettuare un'analisi esplorativa sui dati di popolazione, di flusso e di stock, che possono aver determinato le differenze tra il dato censuario e il dato anagrafico alla fine del 2011. L'ipotesi di ricerca consiste nel valutare se il divario tra popolazione censita e popolazione anagrafica, registrato nel 2011, sia da ascrivere del tutto alla sottocopertura censuaria, oppure anche agli effetti della dinamica migratoria con l'estero che ha caratterizzato in maniera significativa l'ultimo periodo intercensuario. In particolare, si ipotizza che le differenze di popolazione tra anagrafe e censimento, siano da imputare non solo agli errori censuari, ma anche alle mancate notifiche da parte della popolazione residente (italiana e straniera) che si è trasferita all'estero nel periodo 2002-2011.

L'analisi condotta mostra che le mancate notifiche connesse alla mobilità internazionale della popolazione residente rappresentano uno dei fattori latenti delle differenze quantitative tra anagrafe e censimento.

tag:
Istat working papers
tipo di documento:
Produzione editoriale
Data di pubblicazione
09 marzo 2017
No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it