Gli indici dei prezzi alla produzione dell’industria: La nuova base 2015

L'Istituto nazionale di statistica, a partire dai dati riferiti a gennaio 2018, avvia la pubblicazione delle serie degli indici dei prezzi alla produzione dell'industria nella nuova base di riferimento 2015.

L'aggiornamento alla nuova base 2015 di questi indicatori è coerente con quanto richiesto dal Regolamento europeo sulle statistiche economiche congiunturali n. 1158/2005 e si inserisce all'interno del processo di ridefinizione delle basi di riferimento che sta avvenendo in tutti i paesi dell'Unione europea e che si concluderà entro il 2018.

Gli indici dei prezzi alla produzione dell'industria sono indicatori concatenati annualmente su base mensile. A differenza degli indici in base fissa, le serie nella nuova base di riferimento 2015, calcolate per tutto il periodo retrospettivo, sono ottenute per semplice re-scaling di quelle in base 2010. Per l'anno 2018 la nuova base di calcolo degli indici dei prezzi alla produzione dell'industria è dicembre 2017.

L'aggiornamento della base di calcolo ha riguardato il paniere dei prodotti, le serie dei prezzi e le liste delle imprese. Con riguardo a queste ultime, l'aggiornamento delle liste è il risultato sia delle esigenze informative proprie dell'indagine statistica sia di quelle relative alla riduzione del carico statistico sulle imprese rispondenti, con un programma di rotazione annuale delle unità coinvolte nella rilevazione.

Con riguardo al mercato interno, la base di calcolo dicembre 2017 - rispetto alla precedente dicembre 2016 - si caratterizza per un numero di unità campionarie in crescita, al netto di quelle in uscita dalla base di calcolo precedente. Aumentano i prodotti del paniere (+7,4%), ma soprattutto le quotazioni di prezzo (+30,5%) e le unità rispondenti (+30,9%).

Anche per il mercato estero area euro, la base di calcolo dicembre 2017 vede incrementate le unità campionarie. I prodotti aumentano dell’11,2% mentre le quotazioni di prezzo e le imprese rispondenti aumentano rispettivamente in misura pari a +27,2% e +28,8%.

Coerentemente con il mercato interno e quello estero area euro, le unità campionarie del mercato estero area non euro sono tutte in aumento. Crescono i prodotti (+10,2%), le quotazioni dei prezzi (+25,5%) e le imprese rispondenti (+25,9%).

Con riferimento alla struttura di ponderazione, per il mercato interno il confronto tra la base di calcolo dicembre 2017 e quella precedente evidenzia - a livello di Raggruppamenti principali di industrie - un aumento dell'incidenza dei Beni strumentali (+8,5%) e una riduzione del 7,6% del peso dell'Energia.

Per il mercato estero area euro, nella nuova base di calcolo aumenta il peso dei Beni strumentali (+8,5%) mentre diminuisce significativamente (-16,7%) quello dei Beni di consumo durevoli.

La nuova struttura ponderale del mercato estero area non euro evidenzia, rispetto a quella di dicembre 2016, un aumento dell'incidenza dell'Energia (+14,3%) e una riduzione dei Beni di consumo durevoli (-3,0%).

Gli indici dei prezzi alla produzione dell'industria nella nuova base di riferimento 2015 sono pubblicati, a partire dal 2000, sul sito I.stat.

tag:
beni di consumo, beni intermedi, beni strumentali, industria, nota informativa, prezzi alla produzione, produzione
argomento:
Industria e costruzioni, Prezzi
tipo di documento:
Comunicato stampa
Data di pubblicazione
29 marzo 2018
Testo integrale
(pdf 695 KB)
Contatti

Sportello per i giornalisti
tel. 06 4673.2243-4
contact centre
ufficiostampa@istat.it

Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3102-3-5-6
contact centre

No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it