I matrimoni in Italia

All’indirizzo http://demo.istat.it/altridati/matrimoni/ e sul data warehouse I.Stat (sezione Popolazione e famiglie) sono disponibili le tavole di dati relativi ai matrimoni per l'anno 2010.

Le tavole sono pubblicate con un dettaglio territoriale nazionale, regionale e provinciale.

La rilevazione sui matrimoni di fonte Stato Civile è stata istituita dall’Istat nel 1926. L’indagine, individuale ed esaustiva, ha per oggetto tutti i matrimoni della popolazione presente e consente di analizzare il fenomeno della nuzialità in relazione alle principali caratteristiche socio-demografiche degli sposi.

La sua realizzazione si basa sul modello Istat D.3 compilato dall’Ufficiale di Stato Civile del comune nel quale il matrimonio è stato celebrato.

Il modello è diviso in due parti: notizie sul matrimonio e notizie sugli sposi. Per ciascun evento, nella sezione dedicata al matrimonio si rilevano: la data, il rito di celebrazione (religioso o civile), il comune di celebrazione e il regime patrimoniale scelto dagli sposi (comunione o separazione dei beni). Le notizie rilevate per ciascuno sposo riguardano: la data di nascita, il comune di nascita, il comune di residenza al momento del matrimonio, il luogo di residenza futura degli sposi, lo stato civile precedente, il livello di istruzione, la condizione professionale, la posizione nella professione, il ramo di attività economica, la cittadinanza.

tag:
coniugi, coppie, matrimoni separazioni e divorzi, nozze, nuzialità, statistica report, stato civile
argomento:
Popolazione e famiglie
tipo di documento:
Comunicato stampa
Periodo di riferimento
Anno 2010
Data di pubblicazione
23 maggio 2012
Contatti

Struttura e dinamica demografica
Giancarlo Gualtieri
tel. 06 4673.7356
gualtieri@istat.it

Antonella Guarneri
tel. 06 4673.7332
guarneri@istat.it

Sabrina Prati
tel. 06 4673.7337
prati@istat.it

Sportello per i giornalisti
tel. 06 4673.2243-4
contact centre
ufficiostampa@istat.it

Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3102-3-5-6
contact centre

No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it