English
Consumer and business confidence

Fiducia dei consumatori e delle imprese

Allo scopo di fornire un'informazione integrata e facilitare una lettura sul clima di fiducia nel Paese, secondo diversi punti di vista, a partire da gennaio 2015 l'Istat diffonde in un unico comunicato stampa i risultati delle indagini sulla fiducia dei consumatori e delle imprese.

A gennaio l'indice composito del clima di fiducia dei consumatori, espresso in base 2005=100, aumenta in misura significativa, passando a 104,0 da 99,9. Anche l'indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane (Iesi, Istat economic sentiment indicator), in base 2005=100, mostra un miglioramento, salendo a 91,6 da 87,6 di dicembre 2014.

Per il clima di fiducia dei consumatori la componente economica e quella riferita al quadro personale aumentano rispettivamente a 109,2 da 103,5 e a 102,2 da 98,0 rispetto al mese precedente.

I giudizi dei consumatori sull'attuale situazione economica del Paese migliorano (a -104 da -108 il saldo) e così anche per le attese (a -5 da -15 il saldo). Risultano in diminuzione il saldo dei giudizi sulla dinamica dei prezzi al consumo negli ultimi 12 mesi (a -22 da -5), quello dei giudizi sull'evoluzione dei prezzi nei prossimi dodici mesi (a -31 da -18) e quello delle attese sulla disoccupazione (a 41 da 48).

Riguardo le imprese, migliora il clima di fiducia delle imprese dei servizi di mercato (a 94,7 da 86,8) e delle imprese di costruzione (a 77,3 da 72,6), mentre scende lievemente quello delle imprese manifatturiere (a 97,1 da 97,3) e, in misura piu’ consistente, quello del commercio al dettaglio (a 99,5 da 104,7).

Nelle imprese manifatturiere peggiorano le attese di produzione (a 3 da 4) e rimangono stabili i giudizi sugli ordini (a -24); il saldo dei giudizi sulle scorte di magazzino passa a 1 da 2. Nelle costruzioni migliorano le attese sull'occupazione (a -17 da -27, il saldo) mentre i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione rimangono stabili (a -53).

Nelle imprese dei servizi crescono i giudizi e le attese sugli ordini (a -9 da -13 e a -3 da -11, i rispettivi saldi) e migliorano pure le aspettative sull'andamento dell'economia in generale (a -17 da -24, il saldo). Nel commercio al dettaglio peggiorano sia i giudizi sulle vendite correnti (a -16 da -14) sia le attese sulle vendite future (a 8 da 13); in accumulo sono giudicate le giacenze di magazzino (a 5 da -3, il saldo).

Nota. Il 30/1/2015 alle ore 14,20 il file di tabelle allegato al Comunicato stampa "Fiducia dei consumatori e delle imprese - gennaio 2015" è stato sostituito a seguito della rettifica dei valori della colonna "altri ostacoli" della Tabella 9.

tag:
commercio, condizioni economiche, consumi, costruzioni, economia, fiducia, fiducia consumatori e imprese, grandi magazzini, inflazione, lavoro, manifatturiero, ordinativi, produzione, risparmio, servizi, statistica flash
argomento:
Condizioni economiche delle famiglie, Industria e costruzioni, Servizi, Vita quotidiana e opinione dei cittadini
tipo di documento:
Comunicato stampa
Periodo di riferimento
Gennaio 2015
Data di pubblicazione
29 gennaio 2015
Testo integrale
(pdf 257 KB)
Tavole
(zip 61 KB)
Nota metodologica
(pdf 89 KB)
No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it