CambieRai: consultazione sul servizio pubblico radiofonica, televisivo e multimediale

"CambieRai" è la prima consultazione pubblica sul "servizio pubblico radio-televisivo e multimediale" svolta in Italia. Prevista dalla legge 220/2015, la consultazione si è proposta di dare per la prima volta la parola ai cittadini sull'idea di servizio pubblico che vorrebbero, in vista della nuova Convenzione tra lo Stato e la Rai.

Per partecipare alla consultazione pubblica occorreva compilare un questionario web accessibile sul sito www.cambierai.gov.it del Ministero dello Sviluppo Economico disponibile per 45 giorni, dal 17 maggio al 30 giugno 2016.

Il questionario, da compilarsi su base volontaria, era composto da 36 quesiti. I contenuti sono stati definititi da sedici tavoli tecnici distribuiti in 4 macro-aree (Sistema Italia, Industria creativa, Digitale, Società italiana), convocati dal Ministero dello Sviluppo Economico il 12 aprile 2016 all'Auditorium-Parco della Musica di Roma . Oltre alle associazioni di autori e produttori del mondo della tv, del cinema, della radio, dell'animazione e dell'informazione, erano presenti le organizzazioni del made in Italy, del turismo, del digitale, dei beni culturali, del terzo settore, della scuola e università, dei consumatori.

Alla consultazione pubblica hanno partecipato 11.188 persone delle quali 9.156 hanno completato ed inviato il questionario.

In questo report, realizzato da Istat, si illustrano i principali risultati della consultazione. Si fa presente che le percentuali riportate nei commenti fanno riferimento unicamente al totale dei rispondenti che hanno completato il questionario della consultazione e non hanno alcun valore di rappresentatività rispetto al totale della popolazione italiana.

tag:
comunicazione, statistica report, telecomunicazioni, televisione
argomento:
Cultura comunicazione viaggi, Vita quotidiana e opinione dei cittadini
tipo di documento:
Comunicato stampa
Data di pubblicazione
27 luglio 2016
Testo integrale
(pdf 1023 KB)
No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it