Progetto UrBes: prospettive di valorizzazione nelle comunità locali

Lo sviluppo del Progetto Urbes si è snodato attraverso la produzione di due Rapporti (2013 e 2015), con un crescente numero di comuni coinvolti (da 15 a 29) e di indicatori (da 25 a 64). I Rapporti, realizzati con il coordinamento dell’Istat, sono incentrati prevalentemente sui report personalizzati predisposti per ogni comune partecipante. Il significativo apporto dei comuni , realizzato nella maggior parte dei casi dagli uffici di statistica, ha riguardato in particolare la costruzione/condivisione del set informativo, il commento dei dati, più alcuni contributi originali proposti dai singoli enti: in termini di indicatori aggiuntivi ricavati dal proprio patrimonio informativo nel Rapporto 2013, di focus tematici attinenti a misure del benessere e politiche urbane in quello 2015. Ai comuni è spettata inoltre la diffusione a livello locale, realizzata attraverso pagine web dedicate ed eventi di presentazione.

Il confronto vuole mettere a fuoco il tema della valorizzazione degli output del progetto, che trae la propria ispirazione dall’intendimento condiviso di mettere a disposizione delle comunità locali (cittadini e amministratori) uno strumento di conoscenza dello stato del benessere, utile anche per la programmazione, rendicontazione e valutazione delle politiche urbane. A tale proposito, verranno prese in esame le buone pratiche e le potenzialità, anche per ricavare orientamenti per l’impostazione di nuovi sviluppi nella misurazione del benessere urbano.

icona-slide

Interventi:

Strumenti statistici a supporto delle agende urbane: il contributo del progetto UrBes
Marco Ricci - Adolfo Morrone, Istat

UrBes spiegato agli amministratori: l’esperienza pratese
Ester Macrì, Comune di Prato, USCI-ANCI

icona-video

icona-foto